Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Morbi eu nulla vehicula, sagittis tortor id, fermentum nunc. Donec gravida mi a condimentum rutrum. Praesent aliquet pellentesque nisi.

Azienda

LA STORIA

La nascita dell’attuale Azienda Agricola risale al 28 marzo 1881, con l’acquisto da parte di Stanislao Lenza, bisavolo dell’attuale proprietario Valentino, dei terreni del Conservatorio di S. Sofia, situati nella frazione Macchia di Montecorvino Rovella ad un’altitudine di circa 150 metri sul mare.

Fin dall’inizio l’Azienda fu coltivata in gran parte a vigneto, vista la vocazione naturale dell’area a tale coltura: difatti la strada che la costeggiava era denominata Volta delle Vigne.

Nel 1920 la famiglia Lenza rilevò gran parte del feudo La Picciola della Casa Reale Doria, nella Piana del Sele, bonificando e trasformando il latifondo in una moderna azienda agricola, che, fin dal secolo scorso, ebbe importanti riconoscimenti di merito dal Governo Nazionale, adibendola a coltivazioni industriali ed all’allevamento di cavalli da competizione, attività ancora oggi praticate.

L'AZIENDA

Nel 2009, l’attuale proprietario, il dott. Valentino Lenza, nei terreni in Montecorvino Rovella, ha realizzato un moderno impianto viticolo costituito da sette ettari ad Aglianico, vitigno importato e diffuso nella Italia meridionale dalle colonie greche fin dal quarto secolo prima di Cristo.

La forma di allevamento è a Guyot, che comporta un rinnovo, ogni anno, di tutta la vegetazione produttiva, nonché una forte contrazione della produzione quantitativa di ogni pianta, a vantaggio della qualità dell’Uva prodotta e con limiti della produzione massima, ancora più severi di quella consentita per i vigneti ad Indicazione Geografica Tipica, quali sono appunto i vigneti dell’Azienda.

Negli anni l’Azienda continua a crescere, lavorando con massimo entusiasmo e passione sulla qualità e l’ottimizzazione dei Vini prodotti.

Il risultato di questo costante impegno sono i suoi eccellenti Vini: i Rossi ValentiniaMassaro ed il Rosato Donna Palmina.

Per favorire e massimizzare le caratteristiche organolettiche dei suoi Vini, come metodo di invecchiamento, l’Azienda ha scelto sia quello tradizionale in grandi tini di Rovere, per il Rosso Valentinia, che quello contemporaneo con serbatoi in Acciaio per il Rosso Massaro e il Rosato Donna Palmina.

Con il metodo tradizionale il Vino, a contatto con il legno dei tini, subisce numerose trasformazioni che portano allo sviluppo di un processo chiamato “a condizione di bassa ossigenazione” e matura più lentamente; un’altra caratteristica di questo tipo di invecchiamento è l’arricchimento di aromi complessi e sentori di legno.

Con fermentazione ed invecchiamento in Acciaio, i Vini maturano più velocemente e in assenza del sentore di legno, si prestano ad un approccio più immediato da parte di un’utenza più giovane e moderna.

Tutti i vini conservano un colore Rubino intenso (e Rosa carico, per il rosato) con sentori di frutta rossa e il sapore asciutto, corposo, giustamente tannico e morbido al palato, tutte caratteristiche dell’Aglianico, che ne hanno decretato il gradimento in oltre duemila anni di coltivazione.